Descrizione Levriero Afgano

Il Levriero Afgano è un cane di media-grande taglia. Classificato morfologicamente come tipo Graioide. E' un cane molto appariscente, impossibile che passi inosservato. Si distingue per la sua tipica espressione esotica e il suo sguardo intelligente e curioso. Il pelo folto e lungo ricopre tutto il corpo assecondando una camminata fiera ed elegante anche se a volte buffa. Il suo aspetto generale è armonico e comunica forza e dignità. Come tutti i levrieri è snello e con una struttura fisica leggera alla quale combina velocità e potenza.

Dimensioni Levriero Afgano

Medium (11-25 kg)

Longevità Levriero Afgano

Il levriero afgano è un cane di origini antichissime che risalgono al 2000 A.C. nella zona dell'attuale Afghanistan. Graffiti nelle grotte di Balk, disegni sulle piramidi della Valle dei Re e papiri Egizi sono solo alcuni dei documenti che testimoniano la presenza di questo curioso esemplare nella storia. La leggenda narra che perfino sull’arca di Noè vi fossero due esemplari di Levrieri Afgani. Sicuramente non esiste alcuna conferma di quest'ultima ipotesi ma resta comunque la coincidenza dei luoghi dove si insediavano questi cani al tempo e l'ubicazione dell'imbarcazione descritta dalla Bibbia. Nel testo sacro inoltre questa razza sembra essere l'unico cane citato. Il sultano Mahamoud Ghazhawe fu il primo sovrano-guerriero che si face accompagnare durante le battaglie da un esercito di levrieri. Lo stesso Mahamoud, al ritorno da una battaglia in India, decise di creare una città che battezzo con l'appellativo dei levrieri del tempo: Tazi (che significa "assalto"). Nel suo paese di origine si divide nelle due categorie del "levriero del deserto" e il "levriero di montagna" e nelle 3 varietà: a pelo raso (tajan dei Kirghisi russi), a pelo frangiato (tipo saluki), a pelo lungo e folto (il vero cane afghano delle montagne). In Europa, come nel caso di altre numerose razze canine, furono importati dai i militari inglesi al rientro dalle guerre Anglo Afgane. La prima illustrazione che testimonia la presenza di questo cane in occidente risale al 1813 ed è attribuita a Gerald Massey. Inizialmente l'esportazione della razza fu proibita ma gli inglesi riuscirono comunque a portare via una coppia di levrieri, Moore e Shahzada (che non si riprodussero) i cui corpi sono attualmente imbalsamati ed esposti al Natural History Museum di Londra. In Italia i primi esemplari arrivarono negli anni '40 -'50 e nello stesso periodo nacquero i primi allevamenti nella penisola. Originariamente impiegato nella caccia alle antilopi ed ai grandi predatori asiatici, oggi il levriero afgano è soprattutto un cane da compagnia e da esposizione, particolarmente apprezzato per l'eleganza e la regalità del suo portamento.

Carattere Levriero Afgano

A prima vista sembra essere un cane piuttosto snob e distaccato, ma è solo di natura riservata. Con il padrone dimostra un affetto infinito, ama la compagnia anche se caratterialmente è piuttosto orgoglioso e indipendente. E' vivace e curioso, si presta al gioco ed è un ottimo amico dei bambini. Sono esemplari con un temperamento fiero e generoso e nella maggior parte dei casi dimostrano di essere molto sensibili. Quest'ultima caratteristica unita alla loro riservatezza rende l' addestramento alquanto difficoltoso. Il padrone ideale dovrebbe essere una persona decisamente paziente, capace di dominarlo con la dolcezza e persuasione, strumenti che rendono questo cane un animale obbediente e remissivo. E' indispensabile sin da cucciolo abituarlo ad essere socievole ed sentirsi a suo agio tra persone ed altri animali. Ama il riposo, dormire lunghe ore sulla sua poltrona preferita, su un cuscino o sul tappeto a lui riservato, ma sarà anche felice di poter correre e muoversi liberamente a contatto con la natura dove si trova tranquillamente a suo agio. Si adatta benissimo alla vita in appartamento e la notte è necessario farlo dormire dentro casa perché non tollera il clima freddo e rigido. Risponde ai bisogni di tutta la famiglia: è infatti un compagno bello e originale, ma anche sportivo e resistente.

Utilizzo Levriero Afgano

Nato come cacciatore oggi è esclusivamente un cane da compagnia e da esposizione; lo si può impiegare, con grande divertimento di cane e padrone, nelle corse amatoriali, sia in pista sia nella specialità del coursing che gli si addice particolarmente.

Alimentazione Levriero Afgano

La razione quotidiano di cibo del Levriero Afgano è di circa 500 gr di mangime al giorno, non disdegna i pasti preparati in casa. Attenzione sempre alle quantità e qualità del cibo che va dato considerando anche l'attività motoria.
  • Dimensioni
    Taglia Media
  • Gruppo FCI
    Levrieri
  • Morfologia
    Graioide
  • Adatto per
    Compagnia
  • Altezza Maschio
    tra i 68 ed i 74 cm
  • Altezza Femmina
    tra i 63 ed i 69 cm
  • Peso Maschio
    28 Kg
  • Peso Femmina
    25 kg
  • Testa
    La testa presenta cranio lungo e non troppo stretto, con occipite prominente, e muso lungo, con mascelle decise. È molto proporzionato, sormontato da un lungo ciuffo.
  • Orecchie
    Sono attaccate basse e ben arretrate, aderenti alla testa, coperta di un pelo lungo e serico.
  • Corpo
    Dorso diritto e molto muscoloso, reni diritte, ampie ed abbastanza corte, anche abbastanza prominenti e ben distanziate, con petto molto profondo.
  • Coda
    La coda non è troppo corta; attaccata bassa e inanellata all’estremità, è portata rialzata quando il cane è in azione; presenta rare frange poco abbondanti.
  • Pelo
    È lungo e di tessitura molto fine sulle costole, sul treno anteriore, sul treno posteriore ed i fianchi. Nell’adulto il pelo del dorso è corto e fitto, dalla spalla fino alle reni.
Il pelo sulla testa è lungo a partire dalla fronte, e sul cranio forma un lungo ciuffo serico. Sul muso è corto. Le orecchie, gli avambracci e le gambe sono ben guarniti. I pasturali possono essere nudi.
  • Note
    E' un cane robustissimo più della maggior parte dei sui "cugini" Levrieri.
Va lavato molto spesso (ogni 15 gg. circa), in quanto il mantello del levriero tende ad annodarsi. I soggetti anziani e le fattrici possono essere tosati, rendendo molto più facile la gestione del manto. Inoltre non perde mai molto pelo perchè il suo mantello non è soggetto a mute periodiche.
  • Lo sapevi che?
    -Non perdono mai il pelo, solo una volta nella vita all'età di un anno fanno una muta dal pelo del cucciolo ovattoso e compatto al manto setoso lungo. -Come tutti i levrieri non hanno odore essendo nati come cani da caccia prevalentemente in zone desertiche non hanno mai sviluppato uno strato sottocutaneo di grasso come nelle altre specie canine, di conseguenza non sudano e non odorano. -I levrieri afgani sono poco diffusi anche per il loro prezzo, infatti alcuni esemplari come gli Oyster posso costare anche 5000 euro. Di media però il prezzo è comunque superiore ai 2500 euro. Anche per questo sono fondamentalmente considerati cani d'elite.