Descrizione Bull Terrier

Semplicemente inconfondibile il… gladiatore delle razze canine! Caratterizzato prima di tutto dal suo profilo detto: "naso romano", e dalla testa ovoidale, priva di stop, e molto raffinata, è un esemplare, a dir poco… più unico che raro. Il corpo è, appunto, proprio quello di un antico leggendario gladiatore, un autentico fascio di muscoli, solido, compatto, incredibilmente forte e resistente a tutto, anche al dolore. Gli occhi, di forma triangolare, piccoli, infossati e obliqui, molto più vicini alle orecchie che al tartufo e molto vicini fra loro, sono scurissimi, tanto da sembrare quasi neri, ed hanno un'espressione penetrante ed intelligente, attenta e sempre vigile, spesso molto dolce. Le orecchie sono piccole, naturalmente diritte e ravvicinate, è un cane che possiede un apparato mascellare particolarmente potente, e arti muscolosi, con solido e perfetto appiombo; deve dare l'impressione di essere perfettamente saldo al suolo, e deve riuscire a coprire ampie estensioni di terreno ad un andatura sempre regolare, a grandi falcate sciolte, e con la sua tipica e curiosa aria "lesta" che lo caratterizza. La sua potenza muscolare è determinata dall'ampiezza del torace, che deve essere largo e con coste ben cerchiate. Nello Standard della razza non viene indicato, né il peso né la taglia, l'intento finale è di avere la massima potenza e sostanza in rapporto alla dimensione del soggetto. Ne esiste una varietà chiamata "nana", attualmente molto rara, che come caratteristica principale, non deve mai superare i 35,5 cm di altezza. Siamo davanti ad un esemplare davvero eccezionale, sbaglieremmo se ci facessimo suggestionare dalla sua "cattiva" reputazione, è vero che è un cane dal carattere forte e passionale (che descriveremo in seguito), ed è vero che necessita di un padrone dal carattere fermo e deciso, ma è anche vero che, il nostro Bull Terrier, è un'intelligentissima "potenza" fedele ed ubbidiente, e piena d'amore da dare alla sua famiglia, che letteralmente adorerà con tutto il cuore.

Toilettatura Bull Terrier

Per la cura del suo pelo, basteranno delle occasionali spazzolate, per eliminare il pelo morto in eccesso, e un bagno solo al bisogno.

Dimensioni Bull Terrier

Medium

Longevità Bull Terrier

Gran Bretagna. La storia della razza, come la conosciamo noi, ha inizio nell'Inghilterra dell'Ottocento, tempo in cui era diffusissimo l'atroce e triste passatempo dei combattimenti fra cani. Quando queste strazianti "risse" cominciarono a non andare più di "moda" e a calare di spettatori e scommettitori, si andò alla ricerca di scenari e lottatori sempre più strani, solo per farne degli esempi: combattimenti cane-orso, o quello cane-toro. Questo portò alla ricerca di razze sempre più forti, feroci, efficaci e resistenti, fu così che un famoso allevatore dell'epoca: James Hinks, presentò al pubblico, nell'anno 1862, il primo esemplare femmina di Bull Terrier. La sua opera fu negli anni proseguita dai figli Fred e James, e soprattutto dal nipote Carleton: fu lui che iniziò ad allevare nel 1920 con il nome di "Brum", quello che sarà uno dei più famosi cani del mondo, e fu sempre lui a produrre il primo "naso romano", nel suo campione: Lord Gladiator, che poi lo trasmise a tutta la discendenza. Il successo di questo cane fu immediato, e la sua popolarità sempre in continuo aumento, per via delle numerose vittorie, della sua forza, della sua resistenza al dolore, e anche per come si riusciva a nasconderlo bene e con facilità all'arrivo dei gendarmi. Nel 1885 venne istituito il divieto di tagliare le orecchie ai cani, questo portò ad una notevole diminuzione il numero di esemplari, ma fu un problema che venne risolto pressoché subito. Nel 1887 ci fu la nascita del primo Club, ma la razza "Bull Terrier" venne ufficialmente riconosciuta solo nel 1933. Nel 1938 invece, nacque il primo Club per la varietà "nana", o "miniature", creata con l'intento di impiegarli solo come cani da compagnia. Successivamente, l'ultima variante furono gli esemplari colorati, che vennero riconosciuti soltanto dopo il 1950 (inizialmente esistevano solo soggetti dal mantello bianco). All'origine di questa razza ci furono sicuramente il Manchester Terrier, l'English White Terrier (introdotto da James Hinks per ingentilire le linee), il Bulldog, il Terrier, successivamente introdotto anche il Dalmata (sempre da James Hinks per addolcirne le linee). Attualmente è ben allevato e diffuso nel territorio europeo, anche in Africa, data la sua buona sopportazione delle temperature calde.

Carattere Bull Terrier

Il Bull Terrier, è un "gladiatore" nel fisico e nell'animo, incredibilmente coraggioso e pieno di ardore, è anche particolarmente fedele, buono ed ubbidiente. Ha un umore costante e un carattere equilibrato, sempre che il proprietario non abbia la (stupida) idea di stimolarlo all'aggressione; bisogna sempre ricordarci che, come tutti i Terrier di tipo Bull, nasce come cane da combattimento, oggi fortunatamente impiegato con gran successo come semplice compagno di vita e da esposizione. Infatti, il famigerato "ferocissimo" Bull Terrier di un tempo passato, è stato negli anni molto ingentilito dalla selezione moderna, che ha reso un antico combattente di orsi, cani e tori, un cucciolo che fatto ben socializzare da subito, potrà diventare un meraviglioso amico, non solo di tutti gli altri cani e animali di casa, ma anche dei bambini. Resta solo un po' aggressivo e rissoso con gli esemplari dello stesso sesso… praticamente come ogni altro cane. E' un soggetto forte, difficile da sottomettere, di indole coraggiosa e decisa, accetta volentieri la disciplina: assolutamente fondamentale per una serena convivenza. Ottimo nel ruolo di cane da guardia, proteggerà da intrusi il territorio suo e della sua famiglia, a costo della vita. Crea un legame fortissimo con il proprio padrone, sarà per lui il più fedele e leale compagno di vita, avrà bisogno di fare in sua compagnia lunghe passeggiate all'aria aperta, data la sua inesauribile energia fisica, che se alloggiato in appartamento, da qualche parte dovrà tirarla fuori. Interessante sapere che è anche un cane particolarmente pulito e poco abbaione. Non mi stancherò mai di ripetere quanto sia importante che il cucciolo di Bull Terrier venga fatto socializzare abbondantemente dai primi mesi di vita, sia con le persone, che con gli altri cani, cuccioli e adulti, affinché si formi un carattere più sicuro e socievole possibile. In questo modo potremo solo andare in contro ad un'esperienza magnifica, con un compagno che sarà degno della nostra fiducia.

Utilizzo Bull Terrier

Eccellente cane da guardia, e buon cane da compagnia.

Alimentazione Bull Terrier

Questo cane necessita di un'alimentazione particolarmente sana ed equilibrata, alcuni esemplari possono essere allergici o soffrire di dermatiti. Non si dovrà mai esagerare nelle dosi, dovrà essere tenuto in perfetta linea, per non sovraccaricare l'apparato scheletrico con chili di troppo. Nei cuccioli i pasti giornalieri saranno 3, nei soggetti adulti si passa a 2.
  • Dimensioni
    Taglia Media
  • Gruppo FCI
    Terriers
  • Morfologia
    Lupoide
  • Adatto per
    Compagnia
  • Altezza Maschio
    45 – 55 cm
  • Altezza Femmina
    45 – 55 cm
  • Peso Maschio
    22 – 38 kg
  • Peso Femmina
    22 – 38 kg
  • Testa
    La parte superiore del cranio è quasi piatta da un orecchio all'altro.
  • Orecchie
    Piccole, sottili, ravvicinate, il cane deve tenerle ben diritte e quindi devono drizzarsi molto verticalmente.
  • Corpo
    Molto arrotondato, con costole ben cinturate, dal garrese alla regione sternale; il torace è profondo, tanto da essere più vicino al terreno del ventre.
  • Coda
    Corta, attaccata bassa, portata orizzontalmente.
  • Pelo
    Corto, piatto, unito, duro al tatto e molto lucido. In inverno potrebbe comparire un sottopelo di tessitura morbido.
  • Note
    Uno dei problemi neurologici più preoccupanti è la cosiddetta sindrome di “Sudden Onset Aggression” in cui il cane diventa improvvisamente aggressivo. Ama vivere in casa a strettissimo contatto con la propria famiglia, che ci accorgeremo presto, considera "sua" e "sua soltanto". Necessita comunque di svolgere molta attività fisica, le lunghe passeggiate dovranno essere costanti e giornaliere. Si consiglia vivamente di tenerlo sempre al guinzaglio, e di non lasciarlo mai scorrazzare in piena libertà in luoghi pubblici, dove ci può essere la presenza di cani o persone che non conosce.
  • Lo sapevi che?
    Tanto per la cronaca… "Frankeweenie" è uno dei primi cortometraggi di Tim Burton, attualmente tornato nelle mani del genio visionario, che insieme alla Disney, ha espanso il progetto originale, per trarne un meraviglioso lungometraggio in stop-mation in bianco e nero, tra il bizzarro e il vintage. La storia è quella dolce e malinconica di un ragazzo e il suo Bull Terrier, Sparky; quando il padroncino si accorge che il suo amato cucciolo è stato investito da una macchina, proverà in tutti i modi di riportarlo in vita tramite un complicato marchingegno capace di trasmettere impulsi elettrici… e ci riuscirà! Ma il vicinato, impaurito dalla strana creatura, costringe i due protagonisti alla fuga, solo un terribile incendio riuscirà, incredibilmente, a mettere le cose a posto. Ci sarà anche un romantico finale… il nostro Sparky si innamorerà di una buffa barboncina acconciata alla moda della moglie di Frankenstain. Un film di incredibile dolcezza, che merita di essere visto, da grandi e piccini… con un protagonista canino a dir poco, splendido!